Festa dell’Adesione dell’AC

Cos’è la Festa dell’adesione?

C’è un perché che accomuna tutti i soci dell’Azione cattolica e a cui ciascuno di noi è chiamato a dare risposta non solo con le parole, ma anche e soprattutto con le azioni. È quel perché su cui ci interroghiamo insieme alle nostre associazioni parrocchiali l’8 dicembre, giorno in cui l’AC vive la Festa dell’Adesione in tutta Italia.

Si tratta di uno di quei giorni importantissimi per la nostra vita, a cui ogni socio di AC , dai bambini e ragazzi dell’ACR, passando per i giovani e gli adulti, è chiamato a rispondere con originalità. La festa dell’Adesione è, infatti, per la nostra associazione il momento in cui tutti dicono di nuovo sì alla propria Chiesa locale e con questa a tutta la Chiesa italiana e scelgono ancora una volta di vivere insieme l’esperienza associativa.

La riscoperta ogni anno delle motivazioni che ci fanno dire sì all’AC, è la base solida su cui costruire l’appartenenza associativa. Per chi da molto tempo vive il suo impegno nella Chiesa attraverso l’AC, l’adesione può diventare un’abitudine o un gesto di routine. Eppure l’associazione chiede di confermare ogni anno il proprio sì, e di cercare sempre nuove ragioni per rilanciare ogni anno il proprio impegno missionario di laici impegnati nella Chiesa e nel mondo.

È un modo per scommettere su una forte appartenenza all’Associazione (e attraverso essa alla Chiesa), in un tempo in cui sembrano prevalere legami deboli e temporanei sia nelle relazioni personali che sociali. Ed è anche una scommessa su una scelta libera e personale, possibile a tutte le età.
Scegliere di aderire (o non aderire), di farsi coinvolgere, è una tappa del processo educativo in cui si è inseriti quando si viene a contatto con l’esperienza dell’AC.

Ecco perché coloro che scelgono di impegnarsi attraverso l’AC vogliono far festa, perché è la celebrazione del ritrovarsi insieme ancora una volta, magari con qualche volto nuovo, ed è la festa della condivisione di un impegno per educare alla vita buona del Vangelo tra i soci di AC, e con la comunità tutta.

Perché rinnovare l’adesione?

Ciò che genera e ri-genera davvero non è quello che teniamo per noi: ciò che scegliamo di donare con e per gli altri ricarica continuamente la nostra vita.
Vogliamo partire da questa prospettiva per suggerire a ciascuno, la ricchezza della “Vitamina AC” le cui grandi proprietà sono sconosciute ai più!

Ricàricati nella tua personale esperienza d’incontro con il Signore che l’Ac continua a suggerirti come l’essenziale per una vita felice.
Ricàricati nel confronto e nella responsabilità condivisa insieme ai tuoi compagni di viaggio.
Ricàricati nel servizio donato gratuitamente, senza trattenerti nell’offrire quello che sei.
Ricàricati cercando continuamente il luogo, il tempo, l’iniziativa che garantiscano alle tue pile di non essere troppo scariche.
Ricàricati alla Gioia del Vangelo, e ricaricàti alla Gioia dei fratelli che già fanno strada con te e che inviterai a farne parte.
Insieme, non potremo che sentirci sempre… in carica!
Siamo continuamente Ricaricàti da questa lunga storia lunga ormai 150 anni! Quel “sogno nato dal cuore di due giovani” continua ancor oggi ad alimentare la nostra passione per le persone, per la Chiesa e per il mondo, a essere una “corrente continua” di Grazia per le nostre comunità.