Don Fernando: “È un’avventura da vivere nel nome del Signore”

Messaggio dell’Amministratore Parrocchiale ai fedeli della Comunità di Gesù Bambino

Mons. Vescovo mi ha chiesto di presiedere la comunità parrocchiale di Gesù Bambino a partire dal 1° dicembre.

Anche se con tanta trepidazione, giacché sono onerosi gli incarichi che svolgo a livello diocesano e la Parrocchia di San Lorenzo assorbe tante energie, ho accettato con gioia questo servizio nella Parrocchia che è stata la mia culla (qui sono stato battezzato, qui ha operato mia madre come catechista, qui è nata la mia vocazione presbiterale, …) e da sempre l’ho portata nel cuore. Quante volte ho percorso le strade e le stradine di questo territorio! Conosco il Convento, la chiesa e il territorio come casa mia. Certo molto è cambiato nel quartiere, nuove realtà (tanti stranieri non più ospiti ma concittadini, gente da incontrare e conoscere) nuove povertà, … È una avventura da vivere nel nome del Signore.

Avrò la capacità di amministrare questa comunità? Conto molto sulla collaborazione dei laici. Già nella settimana prossima incontrerò il Consiglio Pastorale Parrocchiale e insieme decideremo quali passi fare per il bene della Parrocchia (catechismo, attenzione ai poveri, alle famiglie, cura della chiesa e della liturgia, recupero della Madonna delle Grazie, …). È mia intenzione avviare subito anche il Consiglio Parrocchiale per gli Affari Economici. Un Parroco non può fare a meno di questi organismi.

Per quanto riguarda le celebrazioni tutto resta com’è: ogni sera, alle 18.00, ci sarà la santa Messa preceduta dal S. Rosario e la domenica le Sante Messe alle 9.30 e alle 18.00. Chiaramente ho il valido aiuto di don Antonio Cristella, Vicario Parrocchiale di San Lorenzo, che mi accompagnerà in questa avventura.

Per armonizzare le due realtà di San Lorenzo e di Gesù Bambino vedremo di aggiustare un po’, in tutt’e due le Parrocchie, gli orari delle Sante Messe.

Ma la Parrocchia di Gesù Bambino non chiude i battenti, anzi si apre a nuovi impegni di evangelizzazione.

Chi ha scritto o “postato” altro è male informato o in malafede. Quando si scrive qualcosa bisogna sempre andare alle fonti (e in questo caso la fonte sono io!) e mai fidarsi dei “si dice”: si è responsabili davanti a Dio di quanto si diffonde nei social; e quanti eventualmente sono preoccupati del futuro del Quartiere vengano a pregare con noi (è il nostro stile) e a cercare insieme, davanti al Signore, le soluzioni per il bene degli abitanti di questo quartiere.

Avanti con coraggio, nonostante tutto e nonostante tutti!

Buon Avvento a tutti.

Don Fernando